Pontifical Council for the Pastoral
Care of Migrants and Itinerant People

  

Messaggio di Natale 2014

 

 

Cara gente del mare,

Ecco arrivata ancora una volta la festa del Natale, un tempo di grazia e di gioia che alcuni di voi vivranno con la propria famiglia, mentre molti altri lo passeranno lontano dai propri cari, forse in navigazione o in porti lontani e sconosciuti.

In questo momento storico, la crisi economica continua a non garantire un imbarco sicuro e duraturo e la minaccia della pirateria, in modi e forme diverse, rimane costante. In questo momento in cui, nonostante le Convenzioni e le leggi internazionali, non sempre sono assicurati i diritti ad un lavoro sicuro e dignitoso, e tante altre situazioni di ingiustizia rendono difficile la vostra vita e quella delle vostre famiglie, desidero far giungere a tutti voi questo messaggio per il Natale.

Il Figlio di Dio si è fatto uomo di noi per condividere le nostre speranze e preoccupazioni. Fermiamoci per un momento davanti al presepio. Guardiamo il Bambino Gesù deposto nella mangiatoia, che tende le braccia aperte verso ciascuno di noi per accoglierci nel suo Amore, con le nostre fragilità, senza limiti e discriminazione.

È lo stesso Amore che quotidianamente i cappellani e i volontari dell’Apostolato del Mare cercano di portare in molti porti del mondo con la visita delle navi e il servizio nei Centri Stella Maris. Un Amore che diventa assistenza agli equipaggi abbandonati e dimenticati in porti stranieri dagli armatori, che restituisce dignità al lavoro e alla fatica della gente del mare, che fa prevalere la giustizia sull’ingiustizia e che diventa accoglienza per tutti, senza distinzione di nazionalità, razza e credo.

Auguro che, attraverso l’intercessione di Maria Stella del Mare, l’Amore del Signore Gesù che viene in questo Natale possa raggiungere tutti i marittimi, i pescatori e le loro famiglie ovunque essi siano, e offrire loro Consolazione, Speranza e Coraggio per un mondo rinnovato e salvato.

Nella gioia della Natività, vi benedico tutti con grande affetto nel Signore.

 

 

 

Antonio Maria Card. Vegliò

Presidente

 

        

X Joseph Kalathiparambil

Segretario